Qui facciamo ricerca per ottenere le cure migliori

Vincenzo Rossi

Vincenzo Rossi

Oscar Maglia

Oscar Maglia

Giovanni Giudici

Giovanni Giudici

 

 

 

 

 

 

 

Giovanni: il mio ruolo nel laboratorio Tettamanti è referente tecnico dell’unità di Citogenetica.
Vincenzo: Il mio ruolo nel laboratorio è quello di coordinatore e responsabile tecnico di un gruppo di diagnostica molecolare, come supervisore e verificatore della qualità e validità tecnica degli esami di biologia molecolare effettuati.
Oscar: Il mio ruolo è quello di referente tecnico del laboratorio di morfologia e citofluorimetria nel Centro Tettamanti.

La nostra storia lavorativa presso il laboratorio è molto simile e pertanto la presentiamo insieme – dicono Giovanni e Vincenzo. Siamo stati i “pionieri” del laboratorio: iniziammo, sotto la guida del Prof. Biondi, nel lontano 1985 in tre piccole stanze ricavate in un’ala del reparto di Ematologia Pediatrica all’undicesimo piano dell’ospedale S. Gerardo. Eravamo a due passi dal reparto e questo ci permetteva di avere dei rapporti sempre costanti e continui con i medici e le infermiere, per avere sempre un confronto e una discussione sui risultati dei test che effettuavamo. Ci colpì molto, e in positivo, questo aspetto del rapporto diretto con i problemi legati ai prelievi, ai campioni e ai risultati, che ci mancava totalmente nella nostra precedente esperienza di tecnici ricercatori presso gli “asettici” laboratori dell’Istituto Mario Negri di Milano, da dove provenivamo.
Nel 1990 ci raggiunse Oscar, a completare il piccolo gruppo di ”pionieri” del laboratorio. Gli fu affidata una piccola stanza all’11° piano a fianco del reparto, dove iniziò ad occuparsi di citomorfologia ed esami emocromocitometrici. Ben presto queste tre stanze risultarono piccole e insufficienti ad ospitare tutte le nostre necessità e le cose che avevamo in mente di fare, anche perché lentamente il gruppo si era ingrandito con l’arrivo di altri colleghi.
Nell’ottobre del 1994 inaugurammo il laboratorio Centro Ricerca M.Tettamanti. Ci sembravano enormi quei seicentocinquanta metri quadri, e avevamo la preoccupazione di come riempire questa grande area. Ma in realtà in pochi anni le stanze si riempirono, aumentarono i ricercatori, i tecnici e i macchinari, permettendoci di fare sempre di più e sempre meglio il nostro lavoro. Negli ultimi tempi però questi spazi erano diventati piccoli e difficoltosi nell’ospitare macchinari e persone, con problemi, anche di sicurezza, che si cominciavano a paventare.
Oggi, esattamente dopo ventuno anni, inauguriamo questa nuova area di più di mille metri quadri del nuovo Centro Ricerca Tettamanti inserito nel nuovo Centro Maria Letizia Verga. Anche oggi come nel 1994, questi spazi sembrano enormi. Ma non abbiamo oggi la preoccupazione di riempirli, le circa cinquanta persone che, a vario titolo, ci lavorano hanno già occupato questi spazi che sono più comodi e più spaziosi e che permetteranno di lavorare con migliore agibilità e sicurezza. Un collega di un altro laboratorio, che ha già avuto modo di visitare il Centro, ha esclamato: “Ma questo non è un laboratorio, è un Istituto”. E’ vero e speriamo che, tutti insieme, reparti e laboratorio, possano presto diventarlo.
Dopo ventuno anni siamo tornati ad essere vicini, reparti e laboratorio, come nel lontano 1985, “finalmente di nuovo insieme”, e questo porterà sicuramente dei notevoli vantaggi nei rapporti tra laboratorio, medici e infermiere per migliorare al massimo il nostro impegno per la diagnosi e lo studio della leucemia e la cura dei nostri bambini.